fbpx

Perché è importante che i bambini imparino a nuotare preferibilmente prima dei sei anni?

Ecco i 3 motivi principali:

  1. Prima di tutto perché l’annegamento è una delle prime cause accidentali di mortalità e di invalidità dei bambini… Al giorno d’oggi sono molte più le probabilità, rispetto ad una volta, che si trovino a giocare in piscina, al lago, al mare … e il non saper nuotare rappresenta un serio rischio per la loro sicurezza!

2. Se arrivano ai 6 anni senza aver sviluppato una buona acquaticità avranno sempre più problemi ad avvicinarsi all’acqua in quanto, crescendo, le paure aumentano e cresce anche la vergogna per non saper fare quello che fanno la maggior parte dei propri coetanei.

3. Dai 6 anni, con l’ingresso alla scuola elementare, i genitore fanno sempre più fatica a scegliere uno sport per i propri figli in quanto, al giorno d’oggi, vogliono essere loro a scegliere… e la maggior parte di loro preferisce un gioco di squadra come il calcio o il volley… o uno sport scelto dagli amici. Quante probabilità pensiate ci siano che scelgano uno sport che fa loro paura e in cui si sentono a disagio? Se scelgono il nuoto è perché lo hanno già appreso negli anni precedenti e si sono creati dei compagni di gioco proprio in questo ambiente.

Con il metodo Crescinacqua ideato da Bimbipiù, i bambini imparano a nuotare da soli, senza salvagenti o braccioli e senza il sostegno dei genitori, già a partire dai 16/18 mesi d’età e a 5/6 anni sono già in grado di fare stile e dorso completo. Il tutto frequentando la piscina una sola volta a settimana.

Prima esperienza in piscina

Se hai un bambino alle prime esperienze in piscina con questo metodo migliorerà il suo rapporto con l’acqua, imparerà a spostarsi inizialmente con i diversi attrezzi (tubi, salvagenti, braccioli, magic air belts) e successivamente anche da solo, senza supporti, dove non tocca;
si sposterà in immersione ed imparerà ad espirare sott’acqua; acquisirà i galleggiamenti statici (stellina, medusa, cavalluccio…), le spinte e gli scivolamenti; si divertirà a tuffarsi, a scendere dallo scivolo e a raccogliere gli oggetti sul fondo.

Sa nuotare a cagnolino

Sa già nuotare da solo, fare spinte e scivolamenti? Allora è il momento di imparare lo stile ed il dorso completo!

Attraverso una progressione didattica con più di 50 esercizi di coordinamento a difficoltà crescente imparerà le tecniche natatorie senza automatizzare schemi motori rigidi e senza consolidare errori…
Il tutto continuando a giocare immedesimandosi in animali acquatici ed in super eroi!

Questo metodo è frutto di 30 anni di ricerca, di studio, di tutte le più recenti teorie psicologiche e motivazionali, abbinate all’esperienza pratica con migliaia di mamme e bambini, oltre che di insegnamento nella scuola nuoto.